Amore & Storie di Vita | Seduzione | La vostra posta | Racconti

CON LE DONNE NON DEVI PROVARCI, MA DEVI “CONVIVERCI”

MA L’APPROCCIO CON UNA DONNA FUNZIONA ANCORA? BISOGNA PROVARCI O NO? IL SEGRETO È…

Ciao a tutta la redazione, sono Pasquale, 26 anni, single praticamente da quando ne avevo 20, dopo che la mia ex mi fece le corna mi sono bloccato. Non so più come attrarre le ragazze, in loro presenza mi sento goffo. Vorrei che tu, Jean Claude, mi aiutassi a sprigionare il mio “vero potenziale” e mi insegnassi a provarci.

Grazie di tutto in anticipo.

Pasquale

Ciao Pasquale,

il tuo caso è comune a quello di tanti lettori che mi scrivono, se ti consola non sei l’unico: il loro problema è che non sanno nemmeno da dove iniziare per approcciarsi con una donna. Il tuo primo blocco è mentale: pensi di dover fare qualcosa di particolare per attrarre una ragazza. Posso dirti che non esiste niente di più sbagliato. Forse sei deluso. Non esistono metodi scientifici o tecniche infallibili che ti possano aiutare ad essere più efficace nella seduzione, chi ti promette questo è un millantatore. Più che altro esiste un’esperienza da fare a piccoli passi sul campo, come un apprendista artigiano che impara nel tempo il proprio sapere del mestiere.

 

Ma provarci funziona ancora?

Molti siti di seduzione, ho potuto appurare anche io, spronano a provarci con sconosciute dappertutto: per strada, sui pullman, a scuola, in cielo, in mare, insomma, ovunque. Io penso che nell’era del cibernetico, questa idea di concepire l’approccio della sconosciuta sia del tutto superata: in tantissimi casi infatti il “rimorchio” risulta fallimentare. Perché l’esito è negativo? Prima di tutto perché i legami tra le persone si sono fatti più rarefatti, ormai non c’è più bisogno di vedere le persone per sentirle, basta connettersi e con un click tu porti avanti le relazioni da casa. E di solito le ragazze INTRATTENGONO CONVERSAZIONI CON CHI CONOSCONO o che hanno conosciuto e filtrato e non con il seduttore occasionale.

E per superare la barriera anti sconosciuto di una donna, solitamente devi essere o un amico, o comunque qualcuno che le può essere utile in qualche modo, lo status di “figo” ne parlerò in un altro articolo.

 

Perché l’approccio non funziona

Perché va male l’approccio dal vivo? Perché tu lo hai concepito come un rimorchio e la ragazza lo sente. Tutte queste minchiate dell’energia seduttiva, del preparare l’approccio, dell’avere delle frasi pre impostate da dire, sono solo e soltanto minchiate. Anche perché molte volte quelli che vedo far l’approccio hanno un sorriso da beota sulla faccia, li vedi che sembrano frenetici, troppo carichi e infondono nervosismo nella donna. È il risultato è che lei da retta loro per cortesia e non appena può si congeda alla svelta.

E invece caso strano, per ironia della sorte, la donna si coinvolge di quello che non la “caga” affatto. Ecco, tu qui Pasquale dovresti chiederti perché lei guarda chi non le mostra particolare interesse. A questo punto dovresti capire che forse l’approccio diretto non è il modo migliore per suscitare interesse. Se vuoi conoscere una ragazza, devi fermarti alla parola conoscere e non al “provarci”. Devi rapportarti con lei, non come se fosse una bella ragazza, ma una qualunque. Devi toglierti l’ansia di approcciare. Con le donne si parla e non si approccia.

 

Seduzione a approccio senza emozioni

Ti racconto la mia esperienza. Tutte le volte che ho approcciato direttamente sono sempre andato in buca, mentre le volte che parlavo e conoscevo alla fine si arrivava sempre al dunque. Ma da giovane ero più emotivo e delle volte mi facevo cogliere impreparato dalla perfidia delle tattiche femminili. Ora è diverso. Ora ancor prima di parlare con una donna, so già cosa pensa, cosa vorrebbe dire e come si sentirebbe se io dicessi questo o quell’altro. Tendo ad evitarle e loro immancabilmente, iniziano a fissarsi. Ma perché si fissano con me? PERCHÉ A ME DI LORO NON ME NE FREGA UN CAZZO. Perché parlo con loro come se fossi seduto sul divano o sulla tazza del cesso, non mi faccio fisse nella testa, non provo emozione. Con alcune sono socievole e con altre indifferente.

Perché parto dall’idea che la donna è come me, non è una divinità scesa in terra per la quale dovrei provare un’emozione particolare a parlarle. Anzi, molte volte, mi darebbe pure fastidio, onestamente, rivolgere la parola per primo a certe donne, perché loro lo interpreterebbero come un segnale di interesse e si prenderebbero bene. Quindi preferisco mantenere le distanze ed essere indifferente e anche qui, finiscono per fissarsi ancora di più.

 

In conclusione

Pasquale in definitiva te ne devi fottere il cazzo di loro e devi fare la tua vita, non devi provare emozioni nel parlare con una donna. Anche se bella, una ragazza non è detto che sia sempre una persona o un’esperienza piacevole. Oltretutto non devi dare mai conferma del tuo interesse, altrimenti vieni preso come scontato. Quindi niente approcci, se ti capita di parlare con una bene, sennò vaffanculo. Se sei dal dottore, “Chi è l’ultimo? Che numero c’è dentro? Quali sono gli orari del dottore?” E attacchi a parlare senza emozioni; in palestra, esempio “Ne hai per molto con questo macchinario? Ti va se ci alterniamo? Ecc…” al bar “Ma a te prende il telefono? A te sì? Ma è possibile che solo a me non prenda il telefono?” e continui a parlare. Devi parlare, fidelizzare, per creare feeling e contatto. Cosicché poi, puoi passare a delle conversazioni un po’ più lunghe per entrare nel modulo “intimità”.

Come vedi non c’è proprio nulla di paranormale o di arcano, devi solo levarti l’ ansia di dosso. Se le piaci puoi permetterti il lusso di fare qualsiasi cosa, se non le piaci, puoi essere il seduttore n.1 al mondo e andrai in buca lo stesso. Non conta il messaggio, ma solo il mittente, che non per forza deve essere bellissimo, ma deve avere fascino. E per quello, posso aiutarti io.

A presto.

Jean Claude

 

Codice di sicurezza:
security code
Inserire un codice di sicurezza.:

Invia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.