Amore & Storie di Vita | Seduzione | La vostra posta | Racconti

“SONO FINITE LE DONNE FACILI E MI SONO BUTTATO SULLE IPERLOGICHE”

LA CONFESSIONE DI UN GRANDE SEDUTTORE PENTITO CHE È CADUTO NEL TUNNEL DELLE DONNE IPERLOGICHE

Ciao Direttore

sono Cristiano, un ragazzo portoghese che vive a Lugano. Sono un sognatore ma concreto, uomo dolce ma seduttore, che può dire veramente di essere una “vittima delle donne”. Ti spiego meglio nel dettaglio.

Io non scherzo, quando dico di aver avuto più di mille donne in trentaquattro anni di attività da seduttore. Preciso che non sono mai stato un’esteta, mi sono sempre buttato su tutte le situazioni che mi capitavano e non stavo a vedere, se erano belle o brutte, l’importante era fare “statistica”.

[…]

La cosa mi ha soddisfatto fino a quando ho incontrato per caso il tuo sito: tu parli di qualità di seduzione, di sentimenti, di conquistare solo belle donne. Tutto quello che non ho mai avuto io. Leggendo il tuo blog, ho iniziato a cercare donne diverse, ragazze belle, con una testa pensante e sono andato in cerca di emozioni.

Dopo un lungo girare (non è facile trovare belle donne, me ne sono accorto alla lunga anch’io), ho trovato solo una dozzina di ragazze carine ma IPERLOGICHE, che in mia presenza esternavano un nervosismo senza precedenti, che impediva qualsiasi interazione con loro.

Ebbene, con loro non c’è stato NEMMENO UN BACIO, NULLA DI NULLA, cosa che mi ha buttato giù profondamente, perché io ero abituato non solo al bacio, ma di portale SEMPRE E SOTTOLINEO, SEMPRE A LETTO quasi al primo colpo.

[…]

Vorrei che due di queste ragazze cambiassero atteggiamento e mi cercassero per prime: è possibile cambiare la testa delle IPERLOGICHE? Come si fa a riconoscerle per evitarle in anticipo?

Grazie, Cristiano.

Ciao Cristiano

lettera interessante e ricca di spunti. Sei un grande seduttore che ha perso il suo potere grazie alle iperlogiche: la tua esperienza conferma quello che dico da sempre, cioè che le iperlogiche sono da evitare come la peste bubbonica 😀

Le iperlogiche non si possono cambiare (l’ho testato anche nelle mie consulenze del blog ) e sono destinate a rompersi il cervello in ragionamenti stucchevoli per sempre. Non puoi intervenire con interventi di seduzione nel loro dialogo interiore, puoi limitarti solo ad essere un mero spettatore mentre fanno tutto loro.

Ti processano, si processano, ti insultano, si insultano, ti difendono, si difendono, cambiano decisione ogni 2 minuti e poi pretendono di cambiarti. Prima per loro sei dolce, poi sei stronzo, poi sei invadente, dopo sei freddo e distante. Hanno in testa un casino devastante da cui è meglio non farsi travolgere. Vuoi un consiglio? Cerca di riconoscerle in anticipo e di evitarle il prima possibile.

Ecco alcuni segnali per riconoscerle:

1. Quando le guardi assumono uno sguardo differente, perché tu le guardi: solitamente tendono a guardare un punto fisso e a mettere a fuoco in lontananza con gli occhi, in un punto impreciso (io lo chiamo “lo sguardo da modella);

2. Se tu le guardi solitamente non ti guardano mai direttamente, ma:

A) Ti guardano quando non le guardi

B) Si mettono di taglio, e guardano con la coda dell’occhio un punto di intermezzo tra te e lei

C) Se ti guardano, hanno un’espressione sempre molto seriosa. Se le conosci ti salutano con un sorriso finto e poi tornano immediatamente serie (perché stanno già pensando a cosa stai pensando tu dopo che ti hanno salutato)

3) Hanno un modo di fare nervoso, dicono spesso parolacce, sono spesso incazzate (perché sono in aperto conflitto con gli uomini e quindi non riescono a trovare un buon partner) e delle volte fanno exploit con frasi shock per attirare la tua attenzione

4) Postano spesso frasi di Bisotti, Moccia, Sole e affini… sui social, post tristi, in cui descrivono sempre donne depresse in contrasto con loro stesse, che hanno dato tanto e ricevono nulla in cambio (quello che chiamo meccanismo di “predizione”, perché postando queste cose, chiedono di essere trattate così)

5) Ci sono due tipi di iperlogiche: o quelle sempre sole o quelle sempre fidanzate ufficialmente: l’importante è che il loro status sentimentale lo sappia l’amico, il follower, il vicino di casa, il postino, il lattaio, il cassiere, il barista, ecc… che tutto il mondo sappia il loro status sentimentale e parli in continuazione della loro storia o non storia

6) Infine, all’inizio si presentano come donne fredde e silenziose. Ma dopo, superata la fase preliminare, se ti conquisti la loro fiducia, ti sfiniranno di parole: parleranno in continuazione, si sfogheranno, ti butteranno il cestino dei loro stati d’animo addosso, ti faranno una testa tanta.

IL SEGRETO È PREVENIRE

Le donne iperlogiche alla lunga ti destabilizzano, perché ti portano dentro il loro mondo fatto di problemi (irrilevanti, perché in realtà non riconoscono quelli reali) e di contraddizioni. Non le trovo spontanee, non sanno vivere il momento. Alla lunga, andando con “La zoppa” imparerai a zoppicare.

Se noti due o tre segnali di quelli descritti precedentemente in una donna, il consiglio è di girare i tacchi immediatamente. Tu hai bisogno di naturalezza e di qualità, non di una ragazza macchinosa e faticosa da capire.

DONNE BELLE NO INPERLOGICHE

Fossi in te non cercherei di cambiare nessuno, ma cambierei piuttosto obiettivi. Tu arrivi da un passato di tanta quantità, ma a quanto ho appreso, poca qualità. Secondo me tu hai confuso tutto il mio concetto, nel senso che io incoraggio ad approcciarsi con donne che sanno donare sensibilità ed emozioni, non di certo le iperlogiche!

C’è una bella differenza sostanziale tra queste due tipologie: la donna sensibile saprà il momento giusto in cui essere distante, ma sarà anche attenta a starti vicino e al tuo benessere, invece la iperlogica vive unicamente nella sua testa e per i suoi ragionamenti e vedrai che non si accorgerà mai del momento in cui tu hai bisogno di lei!

L’ultimo consiglio è: non buttarti più, ma valuta, osserva, rifletti e poi metti in moto. Niente più roba di pancia, ma nemmeno di testa. Vacci di sensazioni. È un modo di sentire che solo chi parla con me, sa cosa intendo. Se ci sarà modo, lo spiegherò anche a te.

Jean Claude

JOHANNESFALCO INSTAGRAM • Segui

Codice di sicurezza:
security code
Inserire un codice di sicurezza.:

Invia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.